Curiosità – Sapete com’é strutturata Istanbul?

Sapete com’è strutturata Istanbul?

L’estensione geografica è enorme: da ovest a est, da un capo all’altro, la distanza risulta essere superiore ai 100 km.
Non è detto che città popolosa voglia per forza dire città disordinata, disorganizzata e pericolosa.

Istanbul come Roma sorge su 7 colli ed è tagliata in due dal Bosforo. Il Corno d’Oro è un’altra lingua di mare che suddivide ulteriormente la penisola storica dalla zona cosiddetta “moderna”. La città è suddivisa in 27 quartieri, una definizione italiana che deve fare i conti con le ridotte dimensioni delle città italiane e che quindi non rende l’idea. Questi quartieri sono in realtà dei distretti, ognuno con una sua amministrazione locale peraltro molto efficiente.

IL CENTRO DI ISTANBUL

IL CENTRO DI ISTANBUL

Si fa molta fatica in realtà ad identificare il vero centro di Istanbul, c’è chi ritiene sia la penisola storica di Sultanahmet (ossia la vecchia Costantinopoli), c’è chi invece ritiene sia Piazza Taksim, complice lo sviluppo moderno della città.

La verità è che Istanbul non è una città con un suo centro, Istanbul è tante città con svariati centri.

I QUARTIERI DI ISTANBUL

I QUARTIERI DI ISTANBUL

Ecco una cartina in cui sono evidenziate le zone centrali di Istanbul.

La stragrande maggioranza dei turisti, soggiorna e visita soltanto SULTANAHMET, quartiere in cui si trovano i monumenti principali e che da “centro storico” si è trasformato in “centro turistico“. La quantità di hotel è elevata e ci sono tante opzioni di hotel convenienti dal punto di vista economico, ma la qualità dei ristoranti è più bassa, il contorno di gente è formato da un 50% di turisti e da un 50% di popolazione locale che vive in funzione di essi, la vita notturna è del tutto assente.

SULTANAHMET

Beyoğlu, al contrario, conservando comunque un’enorme rilevanza storica, è anche il centro vitale e pulsante della città moderna. Nella direttrice che da Taksim conduce alla Torre di Galata passando per Istiklal, troverete lo spirito cosmopolita di Istanbul.

BEYOGLU

Attraversando il ponte di Galata, rigorosamente a piedi, ammirerete lo spettacolo meraviglioso che offrono il Corno d’oro ed il Bosforo, e potrete visitare agevolmente il quartiere di Eminönü, la zona dei Bazar e dei vicoli intricati nei quali è facile perdersi, in cui peraltro si trovano alcune fra le più belle moschee della città.

EMINONU

Fatih è il quartiere che si trova fra Sultanahmet e le mura Teodosiane. Lì la storia sembra davvero essersi fermata, ve ne renderete conto scalando le ripide strade di FENER E BALAT, ricche di case ottomane coloratissime, di panni stesi e di bambini che giocano a pallone. Se volete degustare un vero Kebap, è d’obbligo una serata nella zona di Aksaray, potendo scegliere fra un centinaio di ottimi ristoranti tipici ed etnici.

FATIH

Gli altri quartieri, più lontani dalle classiche rotte turistiche, ma non meno importanti, meritano tutti di essere visitati.

MOSCHEA DI EYUP

La moschea di Eyüp e il panorama romantico di Pierre Loti; Levent e Maslak i quartieri modernissimi dello shopping e dei grattacieli; Beşiktaş quartiere residenziale fra i più “veri” compreso fra la magniloquenza di palazzo Dolmabahçe e la poesia di Ortaköy; Üsküdar e Kadıköy le zone più importanti della ISTANBUL ASIATICA che sorprenderanno positivamente il turista più attento.

Articolo a cura di TIZIANA MILANI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Contenuto protetto !!