Curiosità “LA VIA DELLA SETA” Storia, itinerario, mappa

Curiosità “LA VIA DELLA SETA” Storia, itinerario, mappa

LA STORIA

L’industria della seta ha avuto un ruolo significativo nella vita di molte nazioni fin dai tempi dell’antichità. La seta e le spezie provenienti dall’Estremo Oriente hanno sempre avuto un ruolo notevole nelle relazioni internazionali. La seta ha anche permesso all’Occidente di conoscere l’Oriente. Ciò è stato avviato principalmente dai commercianti che viaggiavano in entrambe le direzioni.

Gli Egiziani, seguiti dai Romani, acquistarono seta dai cinesi e iniziò ad essere usato dagli occidentali già nel 753 a.C. Gli studi rivelano che furono i monaci che per primi portarono bozzoli dalla Cina al Bisanzio nel 6^ secolo d.C. Il commercio dei bozzoli si diffuse da Bisanzio in Grecia e poi in Italia, Spagna e Francia dal 7^ secolo in poi. Ecco come è nata la Via della Seta.

Questa antica via commerciale che collegava la Cina all’Occidente ebbe origine a Xi’an. In realtà era una rotta per le carovane e svolgeva un ruolo importante nello scambio delle merci e il pensiero tra le due grandi civiltà dell’epoca, la Cina e Roma. Il punto di convergenza più importante di questa lunga strada di 6.400 chilometri era Kashgar.

Le carovane dei mercanti o seguivano la via che portava al Mar Caspio attraversando le valli afghane, oppure scalavano le montagne del Karakorum e arrivavano in Anatolia via Iran. Dall’Anatolia, le carovane andavano verso Europa o via mare oppure sulla via della seta che attraversava la Tracia. Durante il periodo mongolo nel 13^ e 14^ secolo, Marco Polo viaggiò sulla via della seta per raggiungere la Cina.

Ancora oggi, la Via della Seta offre una straordinaria varietà di ricchezza storica e culturale. Porta ancora i segni di varie culture, religioni e razze di 2000 anni. Questa maestosa rotta commerciale si estende su due continenti. La sua vastità, la dura struttura geografica e i misteri portano ancora tracce della lotta dell’uomo con la natura durante i suoi lunghi e faticosi viaggi.

Capadoccia un tempo tappa obligatoria per ristoro di animali e mercanti.

L’itinerario anatolico della Via della Seta.

Le rotte carovane che trasportavano seta, porcellane, carta, spezie e pietre preziose da un continente all’altro seguivano diversi itinerari in Asia prima di arrivare in Anatolia, che faceva un ponte naturale all’Europa attraverso la regione della Tracia. Queste rotte carovanein seguito acquisirono il nome di Via di Seta e l’Anatolia costituì il crocevia di queste rotte.

ITINERARIO E MAPPA

Le principali città situate sulla via della seta in Anatolia erano:

• Nel nord: Trabzon (Trebisonda) – Gümüshane – Erzurum – Sivas – Tokat – Amasya – Kastamonu – Adapazari (Sakarya) – Izmit – Istanbul – Edirne

• Nel sud: Mardin – Diyarbakir – Adiyaman – Malatya – Kahramanmaras – Kayseri – Nevsehir – Konya – Isparta – Antalya – Denizli

Un altro itinerario di uso frequente era quello di Erzurum – Malatya – Kayseri – Kirsehir – Ankara – Bilecik – Bursa – Iznik – Izmit – Istanbul.

Oltre a questi collegamenti via terra, sono state utilizzate anche rotte marittime:

• Nel Mar Nero la strada da nord passò sopra Batumi (oggi in Georgia) a Trabzon – Sinop – Istanbul – Bursa – Gallipoli e poi raggiunseVenezia.

• Nel Mediterraneo si estendeva dalla Siriaall’Antakya (Antiochia) – Antalya – Izmir (Smirne) – Foca e da lì all’Europa.

ARTICOLO A CURA DI *NADIA LAMELZA*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Contenuto protetto !!